#MelinaRiccio #ArteAiMargini #ArteDiStrada

Magari il Comune di Genova ha rinunciato a fare la guerra alle scritte di Melina Riccio che a Pisa, Roma, Firenze si inseriscono come sentinelle negli ingranaggi della vita quotidiana tra passi veloci e altre scritte che griffano in modo più o meno maldestro i muri delle città. Qui, nella “elvetica” Follonica, si è beccata direttamente della “demente” e chi ha scritto questo titolo ha anche deciso, a nome di tutti (?), la rimozione immediata dell’atto indegno! Beh, permettetemi, ma la visione è, al solito, un po’ semplicistica. Certo non conosco da molto quello che fa Melina Riccio, ne ho presa conoscenza durante una mostra (le mostre servono a questo, in fondo): lì ho letto chi è ed era, cosa fa e perché; tutta roba che, con un po’ di volontà si trova anche su internet.

le tracce lasciate da Melina Riccio a Follonica

il cuore di Melina Riccio e il suo “salvo vita”

Mentre si urlava allo scandalo per il pericoloso precedente costituito dal fatto di aver dipinto il tronco di un albero (ho letto che per qualcuno il tronco è addirittura affrescato: ma questa è roba da specialisti…), pensavo che in pochi, tra gli scandalizzati, si sono accorti che questo è solo il secondo raid che la dannosa Melina Riccio ha compiuto in queste lande. L’estate passata tracciò il suo cuore contenente il “salvo vita”, sul muretto che si affaccia sul lungomare dello stesso giardino e anche in altri punti: il primo svanì silenziosamente con il sole e la pioggia, dalle altre parti queste sentinelle di benedizione e di inno ad un mondo calmo e di amore per la natura (viva la natura e chi la cura, si legge alla base dell’albero dei giardini del Florida), sono ancora lì, ma in trasparenza e solo chi le ha viste lo scorso anno riesce a vederle.
Le tracce di Melina Riccio quindi svaniscono, sono precarie, ed io in questo senso non sono d’accordo con lei, quindi svaniranno anche dal sacro tronco del sacro platano da lei vergato: la corteccia viva si sfoglierà scomponendo le sue scritte come in un mosaico che perde le tessere; l’acqua e il vento faranno il resto con il colore rosa. Non svaniranno invece tanto velocemente le scritte dei “giovinastri” sulle panchine bianche dello stesso giardino…
Ma la questione è anche un’altra: è un’artista, Melina Riccio? E’ arte, quella che fa? No. Non lo è. E non credo che si ritenga artista: è una persona “ai margini”, è stata sarta nei teatri e la sua arte si manifestava nel suo essere “maestranza” all’interno di quel grande corpo che è un teatro. E’ arte il percorso umano, e dopo espressivo, che fa lungo tutta l’Italia.
L’arte, dai primi decenni del ‘900 non è più unica e irripetibile, non si tratta solo di essere bravi a fare qualcosa di mirabile. L’arte non può essere, oggi, SOLO quello che il nostro io dice essere difficile da rifare. A livello grafico, Melina Riccio mi colpisce per quel brulichìo con cui realizza i suoi messaggi e che richiamano la vista: forse questa capacità è la sua arte, l’arte della scrittura: non è la prima, ammesso che sia consapevole di fare arte calligrafica. In questo caso queste calligrafie sono il suo percorso espressivo, non artistico, è il suo itinerario personale e di pace, anche divina, con cui segna i luoghi e ce ne fa partecipi. Mi viene in mente, in questo caso ciò che scrive Filiberto Menna, nella “Linea analitica dell’arte moderna”, parlando dell’arte concettuale: “ciò che conta è il procedimento mentale che sta a monte dell’operazione, mentre non è particolarmente rilevante che questo procedimento venga comunicato con parole pronunciate verbalmente, con parole scritte, con fotografie, film, oggetti e così via”.

Riccardo Carresi, @scenaricca

HABERMAS Y LA CRÍTICA A FOUCAULT: EN TORNO AL DISCURSO FILOSÓFICO DE LA MODERNIDAD Y LA TEORÍA CONSENSUAL

Rosebud - Critica, scrittura, giornalismo online

Habermas J_Articulode Dr. Adolfo Vásquez Rocca. En este trabajo se revisará la crítica desarrollada por Habermas a Foucault,  expuesta en los capítulos IX y X de El discurso filosófico de la modernidad. Para luego cotejarlas con las ideas del propio Foucault. Este trabajo, permitirá retomar y examinar cuestiones relativas a la relación entre racionalidad y poder, intentando clarificar ¿qué entra en juego en esta relación?

Se indaga finalmente los alcances y validez de las criticas de Habermas a las tesis presentadas por Sloterdijk en su conferencia “Normas para el Parque humano” así como las polémicas veladas que dicha crítica suscitó.

View original post 4.777 altre parole

Tutti i video dell’Abecedario di Gilles Deleuze

bibliofilosofiamilano

deleuze

Nel sito hipermedula.org sono disponibili tutti i video dell’Abecedario di Gilles Deleuze. Si tratta di un’intervista di otto ore realizzata da Claire Parnet, alunna del filosofo, con la regia di Pierre André Boutang per la televisione francese nel 1988.

L’intervista è il risultato di una conversazione avvenuta nel corso degli anni e ultimata poco prima della morte del filosofo. L’abecedario è articolato in concetti che inizia dalla «a» di animale e finisce con la «z» di zigzag, passando per i concetti chiave del lavoro filosofico di Deleuze.

View original post

Sudakia: Nadando en la piscina sin agua

Sudakia

Jimmy Liao nació en Taipei (Taiwán)

Jimmy Liao comenzó a trabajar en el mundo de la publicidad, pero en el 95 le diagnosticaron leucemia, y se vio obligado a estar un año en tratamiento, aislado.

Se refugió en la poesía y en el dibujo.  Un tiempo introspectivo.  ¿P’a qué todo?…Cuando se recuperó, en 1998, publicó sus dos primeros libros.

21 de febrero. Nuboso. Irrupción de un frente frío. Excepto los poetas, ¿hay alguien en el mundo capaz de nadar en una piscina sin agua?.  Hermosa Soledad

Si es de noche y no duermo, me gusta salir a la terraza a contemplar las nubes que flotan en el cielo nocturno. La ciudad que conozco en ese instante se convierte en algo extrañamente desconocido. Con sumo cuidado, abro y cierro la puerta, temeroso de perturbar el silencio de la noche. (En: Hermosa Soledad)

El pez que sonreía (1998)

Pensaba en la…

View original post 82 altre parole

Japan to reopen 1st nuclear plant after Fukushima disaster – despite volcano risks

nuclear-news

AJ201410280088MSendai nuclear power plant

October 28, 2014

A town in southwest Japan became the first to approve the restart of a nuclear power station on Oct. 28, a step forward in Japan’s fraught process of reviving an industry left idled by the Fukushima nuclear crisis in 2011.

Kagoshima Prefecture’s Satsuma-sendai, a town of 100,000 that hosts the two-reactor Kyushu Electric Power Co. plant, is 1,000 km (600 miles) southwest of Tokyo and has long relied on the Sendai nuclear power plant for government subsidies and jobs.

Nineteen of the city’s 26 assembly members voted in favor of restarting the plant while four members voted against and three abstained, a city assembly member told Reuters.

The restart of Japan’s first reactors to receive clearance to restart under new rules imposed following the Fukushima disaster is unlikely until next year as Kyushu Electric still needs to pass operational safety checks.

All 48…

View original post 787 altre parole